Sei qui: Home Servizi Per il lavoro Apprendistato

Apprendistato


COID SRL dal 2012 ha predisposto una rinnovata offerta di corsi tesi ad affiancare le aziende nel percorso formativo dei propri apprendisti assunti ai sensi del D.LGS 167/2011 (Testo Unico dell'apprendistato).

Attraverso tali corsi viene garantita all'apprendista la formazione necessaria per acquisire competenze professionali adeguate al ruolo e alle mansioni per cui è stato assunto. I giovani hanno, così, più opportunità, più diritti e maggiori competenze per essere ben inseriti nell'attuale mondo del lavoro.

 

Per ulteriori informazioni

posta compila il form di richiesta di informazioni

oppure telefono Tel. 080.325.49.86

 

APPROFONDIMENTI

 

Cos'è l'apprendistato?

Si tratta di una figura contrattuale di lavoro mista (lavoro + formazione) disciplinata dal Decreto Legislativo 14 settembre 2011 numero 167, il Testo Unico dell'Apprendistato. L'articolo 1 del Decreto Legislativo lo definisce "un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani" e individua tre differenti tipologie:

  1. Apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale
  2. Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere
  3. Apprendistato di alta formazione e ricerca.

Nella Legge di stabilità 2012 sono state introdotte alcune novità che riguardano sgravi contributivi e formazione. Per i contratti di apprendistato stipulati a decorrere dal 1º gennaio 2012 ed entro il 31 dicembre 2016 (come stabilito dall’articolo 22 comma 1 della Legge), è riconosciuto ai datori di lavoro che hanno alle proprie dipendenze un numero di addetti pari o inferiore a nove uno sgravio contributivo del 100 per cento per i periodi contributivi maturati nei primi tre anni di contratto, restando fermo il livello di aliquota del 10 per cento per i periodi contributivi maturati negli anni di contratto successivi al terzo.
A partire dal 2012 (specifica il comma 2 dello stesso articolo) il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali destina annualmente, con un decreto, una quota non superiore a 200 milioni di euro alle attività di formazione nell’esercizio dell’apprendistato, di cui il 50 per cento destinato prioritariamente alla tipologia di apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere.

 

Chi può accedere ai corsi sull'apprendistato?

Il Testo Unico sull'apprendistato prevede:

  1. Il contratto di apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale, disciplinato dall'articolo 3, può essere stipulato con soggetti dai 15 fino ai 25 anni di età;
  2. L'apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere, disciplinato dall'articolo 4, può essere stipulato con soggetti tra i 18 e i 29 anni di età;
  3. Il contratto di apprendistato di alta formazione e ricerca, disciplinato all'articolo 5, può essere stipulato con soggetti di età compresa tra i 18 e i 29 anni.

Con chi è in possesso di una qualifica professionale conseguita ai sensi del decreto legislativo 17 ottobre 2005 n.226 è possibile stipulare il contratto a partire dal diciassettesimo anno di età.  

Ai fini della loro qualificazione o riqualificazione professionale è possibile assumere in apprendistato i lavoratori in mobilità. Lo spiega l'articolo 7, comma 4, del Testo Unico dell'apprendistato.

 

Come viene disciplinato il contratto di apprendistato?

Il nuovo Testo Unico definisce all'articolo 2 la disciplina generale, in sostanza le modalità di attuazione.
In particolare si prevede:

  • Forma scritta del contratto
  • Divieto di retribuzione a cottimo
  • Possibilità di inquadrare il lavoratore fino a due livelli inferiori di retribuzione
  • Presenza di un tutore o referente aziendale
  • Possibilità del riconoscimento della qualifica professionale
  • Possibilità di registrare il periodo di apprendistato nel libretto formativo del cittadino
  • Possibilità di prolungare il periodo di apprendistato in caso di malattia, infortunio o altra causa di sospensione involontaria del rapporto
  • Possibilità di recedere dal contratto con preavviso
  • ssicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, assicurazioni contro le malattie, assicurazione contro invalidità e vecchiaia, maternità, assegno familiare.

 

Qual è la durata del percorso formativo sull'apprendistato?

Per quanto attiene alla durata Il Testo Unico differenzia le tre tipologie di apprendistato:

  1. per la prima la durata è di tre anni;
  2. per la seconda è di tre o cinque anni;
  3. per la terza la durata è rimessa alle Regioni.

 

Le competenze acquisite dall'apprendista devono essere certificate?

Le competenze acquisite dall'apprendista possono essere certificate secondo le modalità definite dalle Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano sulla base del repertorio delle professioni. Nelle more della definizione del repertorio delle professioni si fa riferimento ai sistemi di standard regionali esistenti.

 

Che ruolo hanno gli enti bilaterali nell'apprendistato?

Con riferimento all'apprendistato gli enti bilaterali svolgono un’attività di programmazione di attività formative e di determinazione di modalità di attuazione della formazione professionale in azienda.
I ccnl di settore posso prevedere un obbligo, per i datori di lavoro, di sottoporre all'ente bilaterale di riferimento, il piano formativo individuale ai fini dell’ottenimento del parere di conformità.  

   

Cos'è il Piano Formativo Individuale?

Il Piano Formativo Individuale è un elemento essenziale ed integrante del contratto di apprendistato.
Consiste in un allegato al contratto, redatto in forma scritta anche sulla base di moduli e formulari stabiliti dalla contrattazione collettiva o dagli enti bilaterali, mediante il quale viene definito il percorso formativo dell’apprendista.
Il Piano deve essere definito entro 30 gg dalla stipula del contratto (art. 2, comma 1 lett. a) D.lgs 167/2011).

 

Cosa sono i profili formativi?

Il profilo formativo definisce gli obiettivi/contenuti del percorso di formazione formale che deve realizzarsi nell'ambito del contratto di apprendistato. Pertanto risulta necessario alla redazione del piano formativo individuale che deve obbligatoriamente essere allegato al contratto di assunzione degli apprendisti.

 

Qual è la durata massima del piano formativo?

La durata del percorso formativo dell’apprendista, contenuto nel piano formativo individuale, è rimessa agli accordi interconfederali o alla contrattazione collettiva di settore. In ogni caso non potrà essere superiore a 3 anni (ovvero cinque per le figure professionali dell’artigianato individuate dalla contrattazione collettiva di riferimento).

 

Per la formazione esterna, nel caso di interruzione del rapporto di lavoro, il costo è dovuto per intero?

Il pagamento viene dilazionato nel triennio di formazione e in caso di interruzione del rapporto di lavoro e della relativa formazione, COID tratterrà esclusivamente le somme sino a quel momento percepite.

I nostri Partner

Sei qui: Home Servizi Per il lavoro Apprendistato